OUR PRODUCTS
Almonds
  • Share :
Almonds
STORY

ALMONDS DONNA FRANCESCA

CRISP AND OF LARGE CALIBER. IT IS THE FILIPPO CEA ALMOND BORN THANKS TO THE WORKS OF THE AGRONOMIST FROM WHO IT IS NAMED AFTER.

“We have been cultivating our almonds for generations. We protect them from the weather, keep watch over them during the starry nights, we rejoice of their flowers, collect their fruit and we work them with craftsmanship and respect them. We leave them free to live in nature, caressed by the wind of Puglia. We breathe and live for their perfume. Like parents.”

Filippo Cea

We are in the early 1900s. The agronomist Filippo Cea loves to experiment. He grafts, selects, creates. This is how the cultivar almond is born: the most appreciated for its taste and nutritional characteristics. Thanks to the pedoclimatic conditions and the quality of the soil, this particular almond with its slender and robust soul integrates perfectly with the surrounding landscape, becoming, with its silhouette, rustic and elegant, the undisputed icon of Apulia. The traditional characteristic of the product is also recognized by MIPAAF, which has welcomed it on its national list of traditional agri-food products such as the Mandorla of Toritto.

The taste

With full flavor and balanced taste, almond Filippo Cea stands out for its intense flavor of casein with an elegant ending followed by a remarkable persistence in the mouth. The complexity of these tastes is due to the richness of the almonds in essential oils (59.57% of which nearly 74% is represented by oleic acid, followed by 18.6% inoleic acid and 5.5% palmitic acid).

Use

The use of the almond Filippo Cea has no boundaries in the kitchen: it can be eaten raw or as an ingredient in the most original chef recipes. From confectionery to bakery, from ice-cream to gastronomy, but also in cosmetics and beverage, the almond always expresses its character. Thanks to the versatility of this precious fruit, you can taste our almonds in various ways: with their hull, or peeled or in the “wild” version, by breaking the hull; or “worked”, meaning salted and roasted with extra virgin olive oil and sea salt of Apulia, and covered with crispy sugar (pralinate).

The benefits

Precious ally in balanced diets, almond Filippo Cea is a “super-aliment” thanks to nutritional profile and nutraceutical values. The presence of minerals such as calcium, magnesium, potassium, phosphorus, selenium, zinc, and vitamin E and vitamin B help to reduce cholesterol levels and the risk of cardiovascular events; moreover, thanks to the high percentage of unsaturated fatty acids, it helps to increase the sense of fullness by limiting the consumption of other foods.

CROCCANTE E DAL GRANDE CALIBRO. È LA MANDORLA FILIPPO CEA NATA GRAZIE AL LAVORO DELL’AGRONOMO DI CUI PORTA IL NOME

“Coltiviamo i nostri mandorli da generazioni. Li proteggiamo dalle intemperie, vegliamo su di loro durante le notti stellate, gioiamo dei loro fiori, raccogliamo i loro frutti e li lavoriamo artigianalmente, con rispetto. Li lasciamo liberi di vivere nella natura, accarezzati dal vento di Puglia. Respiriamo e viviamo del loro profumo. Come dei genitori.”

Filippo Cea

Siamo agli inizi del 1900. L’agronomo Filippo Cea ama sperimentare. Innesta, seleziona, crea. Nasce così a Mariotto la mandorla cultivar più apprezzata per gusto e caratteristiche nutritive. Grazie alle condizioni pedoclimatiche e alla qualità del terreno, questo particolare mandorlo dall’animo esile quanto robusto, si integra alla perfezione con il panorama circostante divenendo con la sua silhouette, rustica ed elegante, icona indiscussa della Puglia.  Oggi a Mariotto vive la pianta “madre” che da più di un secolo regala splendidi fiori e frutti dolcissimi. La tradizionalità del prodotto è riconosciuta anche dal MIPAAF che l’ha accolta nel suo elenco nazionali dei prodotti agroalimentari tradizionali come Mandorla di Toritto.

Il sapore

Dal sapore pieno e dal gusto bilanciato, la mandorla Filippo Cea si distingue per il suo intenso flavour di caseina con un finale elegante seguito da una notevole persistenza in bocca. La complessità di queste note sono dovute alla ricchezza della mandorla in oli essenziali (59,57% di cui quasi il 74% è rappresentato dall’acido oleico, seguito da un 18,6% dell’acido inoleico e da un 5,5% dell’acido palmitico).

Gli usi

L’utilizzo della mandorla Filippo Cea non ha confini in cucina: può essere consumata al naturale o come ingrediente nelle ricette più originali degli chef. Dalla confetteria alla pasticceria, nella gelateria come nella gastronomia, ma anche nella cosmesi e nel settore delle bevande, la mandorla esprime sempre il suo carattere. Grazie alla versatilità di questo prezioso frutto è possibile gustare le nostre mandorle in vari modi: al naturale sgusciate o pelate o nella versione “wild”, rompendo il guscio; o “lavorate”, ossia tostate salate con olio extra vergine di oliva e sale marino di Puglia, e pralinate, ricoperte da zucchero croccante.

I benefici

Prezioso alleato nelle diete bilanciate, mandorla Filippo Cea è un “superalimento” grazie al profilo nutrizionale e alle valenze nutraceutiche. La presenza di minerali, quali calcio, magnesio, potassio, fosforo, selenio, zinco, e della vitamina E e vitamina B, concorrono aiutano a ridurre il livello di colesterolo e il rischio di eventi cardiovascolari; inoltre, grazie all’alta percentuale di acidi grassi insaturi, contribuisce ad aumentare il senso di sazietà limitando il consumo di altri alimenti.