Categorie
Magazine

Mandorle italiane fra le più buone al mondo

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Le mandorle italiane sono note in tutte il mondo per la loro bontà ma non tutti sanno che si tratta di…un seme! La mandorla infatti  è il seme commestibile del mandorlo. Il suo nome scientifico è Prunus dulcis ed appartiene alla delle Rosacee, la stessa del pesco. La mandorla è racchiusa in un guscio legnoso a sua volta contenuto in un mallo.

LE QUALITA’ E LE VARIETA’

La mandorla italiana è un dei prodotti maggiormente conosciuti nel mondo e viene coltivata sul territorio nazionale soprattutto in Puglia, Sicilia, Sardegna e Calabria. Nonostante questa pianta sia originaria dell’Asia centrale, il mandorlo cresce benissimo nel sud Italia grazie al suo clima temperato e fanno parte della tradizione culinaria del nostro Paese da diversi secoli. In India e Pakistan questi frutti, noti come badam, sono stati per secoli parte integrante della dieta della popolazione. Il loro consumo si fa risalire al 4.000 a.C. Nella Bibbia ci sono molti riferimenti a questi frutti con guscio che vengono descritti come simbolo di speranza. Le mandorle, secondo la medicina Ayurveda, contribuiscono alla longevità ed all’innalzamento del livello intellettuale.

La pianta del mandorlo è caratterizzata da tre qualità diverse: la Sativa, che produce un seme dolce con un endocarpo duro, rappresenta la maggior parte delle specie coltivate perché il seme è commestibile e viene utilizzato in cucina; l’Amara, il cui seme è molto amaro e non commestibile; ed infine la Fragilis, ha un seme dolce ed un endocarpo fragile.

FILIPPO CEA

Le mandorle italiane di Donna Francesca sono della varietà Filippo Cea, cultivar tipica della regione Puglia. I mandorleti sono coltivati sui terreni di famiglia e vengono curati quotidianamente. La mandorla Filippo Cea, croccante e dal grande calibro si distingue per il suo gusto elegante e burroso. Questa mandorla è così buona che viene apprezzata anche al naturale. La sua storia è particolare. Siamo agli inizi del 1900. L’agronomo Filippo Cea ama sperimentare. Innesta, seleziona, crea. Nasce così la mandorla cultivar più apprezzata per gusto e caratteristiche nutritive. Grazie alle condizioni pedoclimatiche e alla qualità del terreno, questo particolare mandorlo dall’animo esile quanto robusto, si integra alla perfezione con il panorama circostante divenendo con la sua silhouette, rustica ed elegante, icona indiscussa della Puglia. La tradizionalità del prodotto è riconosciuta anche dal MIPAAF che l’ha accolta nel suo elenco nazionali dei prodotti agroalimentari tradizionali come Mandorla di Toritto.

I NOSTRI PRODOTTI

Le nostre Mandorle Sgusciate sono adatte per tutti gli usi di cucina e pasticceria, ottima per la produzione di granella tostata e torroni tipici con mandorle italiane. Ottime anche le Mandorle Pelate, cioè, prive della loro inconfondibile cuticola bruna. Noi di Donna Francesca peliamo le mandorle a mano, per non alterare il sapore originale di questo seme e assaporare l’intenso flavour di caseina. E’ adatta per tutti gli usi di cucina e pasticceria, ottima per la preparazione di pesto pugliese. A queste due versioni “crude” si aggiungono le Mandorle Pralinate, ricoperte da un velo di zucchero che le rende croccanti, e le Mandorle Tostate, salate con olio extra vergine di oliva e sale marino. Queste pregiate mandorle italiane conquistano il palato e sono protagoniste negli aperitivi accompagnate da vini fermi o spumati e come after diner accompagnate da vini passiti e moscati.

GLI USI IN CUCINA

Oltre che essere utilizzate come tali sia nella cucina dolce che in quella salata, le mandorle vengono impiegate anche per produrre il latte di mandorla, farine, sciroppi e granite.  L’utilizzo delle mandorle italiane non ha confini: può essere consumata al naturale o come ingrediente nelle ricette più originali degli chef. Le mandorle sono un ingrediente molto presente nelle cucine tradizionali dell’area del Mediterraneo. Molto famose sono  ad esempio le ricette della cucina siciliana come il famoso pesto alla trapanese o il marzapane. Molto noto è anche il latte di mandorle, una bevanda altamente energetica. Si prepara con mandorle dolci e zucchero. Il latte ha proprietà antidepressive, antinfiammatorie, rinfrescanti e riequilibranti dell’umore.

LE PROPRIETA’ NUTRIZIONALI

Le mandorle italiane sono un vero toccasana per la salute. Contengono infatti ottime quantità di grassi saturi, i famosi Omega 3, proteine e fibre vegetali, sali minerali, soprattutto di magnesioferro calcio, vitamine, in particolare vitamina E e B2.  Mangiando 100 g di mandorle si assumono 603 Calorie. Questi semi sono, infatti, poveri di acqua e di carboidrati e ricchi di lipidi. Per questo aiutano a mantenere in buona salute il cuore, le arterie e le ossa, e rappresentano anche un valido rimedio naturale contro l’anemia. Sono un potente antiossidante naturale, preservano la giovinezza, la bellezza della pelle e il benessere dei capelli.

LA COSMESI

Dalle mandorle viene estratto, tramite spremitura a freddo, anche un olio molto usate nella cosmesi naturale per le sue proprietà lenitive ed emollienti, ideale per le pelli secche e sensibili. Di facile assorbibilità, ricco in vitamina E, B e minerali, può essere usato come olio da massaggio, anche aromatizzato con oli essenziali per profumare la pelle o usato come base per unguenti e creme da massaggio. L’olio di mandorle è anche utile in caso di smagliature nel periodo della gravidanza o come conseguenza di una dieta ferrea, inoltre può essere impiegato per ridare vigore e lucidità a capelli spenti.

 [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Categorie
Magazine

Mandorle pugliesi sgusciate:
mangiarle migliora le prestazioni nello sport. Scopri perché

Mangiare mandorle pugliesi sgusciate o mandorle italiane quando si fa attività sportiva fornisce all’organismo la giusta carica di energia senza appesantirsi. In questo periodo purtroppo siamo stati fermi, ma in fase 2 attualmente è possibile uscire per fare finalmente attività fisica.

Chi fa sport in maniera agonistica sa bene quanto sia importante affrontare l’attività fisica con la giusta carica di energia. L’attività sportiva è tanto appagante quanto stancante e logorante. Per questo quando si pratica il proprio sport preferito bisogna fare in modo che l’organismo disponga di tutte le risorse necessarie.

Ecco perché bisogna dare al proprio corpo la giusta carica di energie quando si ha in programma di allenarsi. Appesantirsi non è mai opportuno. Allo stesso tempo, però, bisogna garantire all’organismo il giusto apporto di nutrienti per non affaticarsi e rischiare infortuni.

La scelta migliore è concedersi uno snack sano e nutriente. Mangiare mandorle sgusciate può essere la soluzione giusta. Infatti, uno studio di una università americana ci spiega il perché.

Mangiare mandorle pugliesi sgusciate migliora le prestazioni

Chi è attento all’alimentazione sa bene che la frutta secca, ed in particolare le mandorle, sono un ottimo “spezzafame”. Sono ricche, infatti, di nutrienti preziosi e vantano numerose proprietà benefiche. Tra queste vi sono anche quelle di fornire un ottimo supporto all’organismo quando ci si dedica ad attività di fatica.

Questo perché sono, innanzitutto, ricche di magnesio che contribuisce a ridurre la stanchezza. Vantano, inoltre, un elevato contenuto di riboflavina (B2) e sono una fonte di niacina (B3), tiamina (B1) e folato (B9), tutti elementi che contribuiscono al metabolismo energetico. Mangiare mandorle in giusta quantità, inoltre, consente di fare uno spuntino delizioso mantenendosi in forma. Una manciata di mandorle sgusciate, infatti, che corrisponde a circa 23 mandorle o 28 grammi, fornisce soltanto 160 calorie. A fronte di un apporto di 6 grammi di proteine vegetali energetiche.

Uno snack ideale, insomma, per chi pratica sport. Una razione da 23 mandorle, inoltre, fornisce al corpo ben il 60% della dose giornaliera raccomandata di vitamina E che aiuta a proteggere le cellule dallo stress ossidativo causato da fattori ambientali come i raggi solari UV che, peraltro, in quota sono ancora più intensi e vengono riflessi dalla neve. Le mandorle, inoltre, sono davvero comode per chi fa sport perché possono essere facilmente portate con sé in una bustina , in modo da avere una manciata di energia sempre a portata di mano.

Categorie
Magazine

Mandorle italiane. I 5 motivi per preferirle

Mandorle italiane e mandorle pugliesi. Perché sono così famose nel mondo? Tra la frutta secca la mandorla è quella  più consumata e non solo perché sono buonissime! I motivi sono tanti ma ve ne elenchiamo qui solo alcuni. Le mandorle italiane sono  ricercatissime in tutto il mondo grazie alla loro sapore e alle loro caratteristiche nutrizionali. Le mandorle italiane vengono prodotte in tante regioni ma si può dire che la maggior parte della produzione nazionale italiana è legata territorialmente alla Puglia e alla Sicilia.

All’estero e in Italia il consumo delle mandorle è raddoppiato. Secondo le stime di Coldiretti su dati Ismea ogni anno  mangiamo circa 3 chili a testa di frutta secca e tra questi le mandorle sono considerate un super food, un concentrato di benessere e salute dato da un mix di nutrienti, antiossidanti, vitamine, fibre, minerali e acidi grassi essenziali che conferiscono un beneficio per la salute.

I 5 MOTIVI DELLA LORO BONTA’

1.NON VENGONO TRATTATE CHIMICAMENTE NELLA FASE DI CONSERVAZIONE

Le mandorle non sono tutte uguali. Ogni regione ha la sua cultivar. In particolare le mandorle pugliesi sono note per la mandorla Filippo Cea, varietà coltivata anche da noi nei nostri mandorleti. La mandorla pugliese Filippo Cea è una delle più famose e buone mandorle italiane. In particolare la nostra mandorla pugliese Filippo Cea è croccante si distingue per il suo gusto elegante e burroso. E’ nota per l’uso uso in pasticceria grazie alle eccellenti qualità organolettiche. Chi conosce le nostre mandorle sa che sono una garanzia di genuinità: sono prive di sostanze tossiche e non vengono trattate chimicamente dalla raccolta fino all’ impacchettamento

 2. PERCHE’ PREFERIRE LE MANDORLE ITALIANE A QUELLE STRANIERE

Le mandorle sono un orgoglio italiano. Esistono tante mandorle che arrivano dall’estero, come quelle californiane e spagnole, ma nessuna si avvicina alle Mandorle italiane. In particolare quelle  californiane sono note per la loro grandezza e per la grande resa sui campi. Questo è dovuto ad una intensa irrigazione, che ne smorza il sapore, e porta al rischio di una maggiore esposizione di contaminazione da funghi e allo sviluppo di aflatossine. Le aflatossine sono micotossine altamente tossiche e sono ritenute tra le sostanze più cancerogene esistenti. Il nostro consiglio è perciò quello di acquistare mandorle prodotte in Italia, meglio se sono mandorle Pugliesi

3. VERSATILI IN CUCINA

Le mandorle sono uno degli ingredienti più usati nelle cucine del Mediterraneo. Sono un ottimo snack spezza fame e si prestano a ricette dolci e salate ma sopratutto si prestano a realizzare ricette per celiaci perché prive di glutine. Inoltre dalle mandorle si può ricavare il latte di mandorla e la farina di mandorla, molto utilizzati nella cucina come alternative al latte vaccino e alla farina di cereali.

Siete curiosi di sapere come mangiare le mandorle?

Se amate il sapore naturale della mandorla, vi consigliamo le mandorle pugliesi sgusciate. La pellicina che la ricopre è ricca di fibre e antiossidanti  e ne caratterizza il sapore con la sua aromaticità.   Le mandorle pugliesi pelate sono gustosissime. Noi di Donna Francesca eliminiamo la pellicina a mano per mantenere il frutto salubre e integro. E’ vero che si perdono un pò di fibre ma se non vi piace quel retrogusto leggermente amarognolo, le mandorle pelate sono l’ideale!

Voglia di salato? Le mandorle pugliesi tostate salate sono imbattibili. Regine degli aperitivi, sono croccanti e saporite. Noi di Donna Francesca, dopo averle perlate a mano le tostiamo in forno con olio extravergine di oliva Sartoria Agricola e sale marino di Puglia.

Quando quel languorino si fa sentire e non potete rinunciare ecco le mandorle pralinate, ricoperte da un velo croccante di zucchero. Noi le realizziamo a mano ed il suo tipico colore rosa è il nostro segreto della nostra ricetta! 😉  Se siete in cerca di snack alternativi ed avete tempo di realizzarli in casa vi consigliamo di acquistare i pack di mandorle da un kilo per realizzare in casa il latte di mandorla, ovvero mandorle frullate e diluite in acqua, un ottimo tipo di latte vegetale anche per l’assenza di zuccheri, oppure la farina di mandorla, utilizzata per biscotti e torte.

4. IDEALI DOPO LO SPORT

Abbiamo già detto che le mandorle sono un’ottima fonte di fibre e grassi sani ma anche di proteine. Considerate che una mandorla contiene 0,25 grammi di proteine, mangiandone 10 al giorno avremo circa 2,5 grammi di proteine. Questo le rende ideali sia come alimento per una dieta vegetariana ma anche come spuntino leggero pre e post workout. Quando si pratica il proprio sport preferito bisogna fare in modo che l’organismo disponga di tutte le risorse necessarie. In particolare prima dell’allenamento, le mandorle riescono a dare al corpo quell’energia indispensabile durante lo sforzo. Mentre dopo l’allenamento, quando arriva quel senso di fame sono ottimali perché donano un senso di sazietà immediato con poche calorie.

5. UNA MINIERA DI SALUTE

Le mandorle italiane, ed in particolare pugliesi, sono straordinario concentrato di micronutrienti e grassi salutari e per questo sono consigliate in tutte le diete antitumorali e preventive. Sono una miniera di vitamine, in particolare vitamina E, di antiossidanti, di minerali come il potassio, il magnesio e il fosforo, preziosi nei momenti di maggiore stress psicofisico. Grazie alla presenza di grassi «buoni» Omega 3possono essere consumate anche da chi soffre di colesterolo cattivo, anzi tendono a controllarlo, prevenendo le malattie cardiovascolari. Aiutano ad integrare ferro, calcio e magnesio e aiutano ad evitare l’osteoporosi.

Categorie
Magazine

Mandorle e salute. Perchè fa bene mangiarle

Le mandorle italiane, ed in particolare quelle pugliesi come la mandorla Filippo Cea, sono ricche di vitamine e di sali minerali. Mangiarle in maniera misurata fa molto bene al nostro organismo in quanto forniscono ottima energia anche grazie alla presenza di proteine vegetali e fibre che contribuiscono a regolarizzare l’attività intestinale. In un regime di dieta equilibrata, la quantità di mandorle consigliata è di 30 grammi al giorno, circa 15 mandorle da mangiare nel corso della giornata. L’alto contenuto di proteine e fibre delle mandorle riduce significativamente il desiderio di mangiare, il loro consumo, inoltre, aumenta il metabolismo quindi il loro inserimento in una dieta può favorire la perdita di peso.

Le ricerche scientifiche che avvalorano i benefici delle mandorle sul nostro corpo sono vastissime ma tutte quante concordano sul fatto che siano un alleato prezioso per la salute perché tra le loro principali funzioni c’è quella di proteggere le cellule dal danno ossidativo. Questo è possibile perché  sono ricche di antiossidanti, presenti in modo particolare nello strato marrone della pelle. 

Per chi soffre di glicemia alta, le mandorle sono lo snack spezza fame più indicato, infatti l’alta percentuale di magnesio e al basso contenuto di carboidrati contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna e a mantenere in equilibrio i valori glicemici. Proprio per queste sue caratteristiche, sono molti gli studi che evidenziano come le mandorle contribuiscano a ridurre il colesterolo LDL. Questi effetti positivi sono dovuti anche all’ alto contenuto di vitamina E che non solo riduce i rischi di malattie cardiache ma aiuta a mantenere l’elasticità della pelle