Categorie
Magazine

Mandorle in gravidanza. Perché fa bene mangiarle

Mandorle in gravidanza, ecco perché fa bene mangiarle in quantità moderate. Le mandorle, come la frutta secca in genere, sono un ottimo spuntino per spezzare la fame soprattutto quando il senso di sazietà è diverso dalle soliti abitudini come nel caso di una gravidanza. Le mandorle, ed in particolare le mandole Filippo Cea, sono particolarmente consigliate, sempre che non si soffra di allergie specifiche, per il loro contenuti di di calcio e ferro, inoltre il loro gusto delicato non porta nausea. A ciò si aggiungono diverse proprietà dovute alla loro composizione nutritive tra cui quello di infiammazioni intestinali, di migliorare e di fortificare l’intestino.

IDEALI PER LA COLAZIONE

La colazione di una donna in attesa deve essere ricca ma non pesante per affrontare al meglio la giornata. E’ consigliabile inoltre garantire degli alimenti di alta qualità come le mandorle pelate Filippo Cea , ne bastano 4 o 5 al giorno per garantire l’apporto di tutti i nutrienti necessari. Basta dunque aggiungerle a yogurt o muesli con latte per una colazione sana e sfiziosa. 

UNA ALIMENTAZIONE SPECIALE

Durante la gravidanza bisogna far più caso a ciò che si mangia sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. Sarebbe utile consumare pasti piccoli e a distanza di poco tempo per non appesantire la digestione ma soprattutto è importante mantenere una dieta varia ed equilibrata. Le mandorle Filippo Cea riesco a garantire alla gestante alcuni micronutrienti fondamentali come calcio, ferro, iodio e Infine sono un’ ottima fonte di proteine, fibre e vitamine. Inoltre, verso gli ultimi mesi della gravidanza serve una maggiore energia necessaria alla crescita fetale. Oltre a queste proprietà nel complesso nel mandorle permettono di ridurre i livelli di colesterolo, di combattere il diabete; è ottimo in caso di stitichezza; di fortificare le ossa; di proteggere l’intestino; di fornire energia.

Photocredit: Stefania Lettini

Categorie
Magazine

Mandorle e salute. Perchè fa bene mangiarle

Le mandorle italiane, ed in particolare quelle pugliesi come la mandorla Filippo Cea, sono ricche di vitamine e di sali minerali. Mangiarle in maniera misurata fa molto bene al nostro organismo in quanto forniscono ottima energia anche grazie alla presenza di proteine vegetali e fibre che contribuiscono a regolarizzare l’attività intestinale. In un regime di dieta equilibrata, la quantità di mandorle consigliata è di 30 grammi al giorno, circa 15 mandorle da mangiare nel corso della giornata. L’alto contenuto di proteine e fibre delle mandorle riduce significativamente il desiderio di mangiare, il loro consumo, inoltre, aumenta il metabolismo quindi il loro inserimento in una dieta può favorire la perdita di peso.

Le ricerche scientifiche che avvalorano i benefici delle mandorle sul nostro corpo sono vastissime ma tutte quante concordano sul fatto che siano un alleato prezioso per la salute perché tra le loro principali funzioni c’è quella di proteggere le cellule dal danno ossidativo. Questo è possibile perché  sono ricche di antiossidanti, presenti in modo particolare nello strato marrone della pelle. 

Per chi soffre di glicemia alta, le mandorle sono lo snack spezza fame più indicato, infatti l’alta percentuale di magnesio e al basso contenuto di carboidrati contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna e a mantenere in equilibrio i valori glicemici. Proprio per queste sue caratteristiche, sono molti gli studi che evidenziano come le mandorle contribuiscano a ridurre il colesterolo LDL. Questi effetti positivi sono dovuti anche all’ alto contenuto di vitamina E che non solo riduce i rischi di malattie cardiache ma aiuta a mantenere l’elasticità della pelle