Categorie
Magazine

Olio su misura: l’olio extravergine di oliva pugliese come un abito sartoriale

Olio su misura: il nostro olio extravergine di oliva pugliese è preparato su misura in base alle esigenze del cliente, come un vero abito sartoriale. Produciamo da sempre olio extravergine di oliva pugliese di qualità ed ora i nostri clienti possono beneficiare di qualcosa in più: un olio unico, esclusivo e fatto solo per loro. 

Ci siamo ispirati alla sartoria di eccellenza per garantire qualità ed unicità ad ogni bottiglia di olio, come succede nella storica sartoria G.Inglese a Ginosa, dove stoffe, esperienza e cura dei dettagli, convergono negli stessi obiettivi: qualità ed unicità di ogni capo.  La nostra Sartoria Agricola è nata soddisfare il tuo bisogno di unicità attraverso la proposta di olio extravergine pugliese di qualità realizzato con cura secondo le nuances sensoriali richieste da te. 

Sartoria Agricola è il primo ed unico progetto che permette di personalizzare il tuo olio, come se fosse un abito, “cucito” solo per te e con il tuo stile. La personalizzazione avviene grazie alla competenza ed alla professionalità del nostro personale che pone al centro del proprio lavoro le tue esigenze, per renderti unico.  Grazie alla nostra selezione di 32 oli extravergini di oliva provenienti da 7 cultivar dalle caratteristiche sensoriali differenti, e grazie ad un accurato sistema di bilanciamento, riusciamo a preparare migliaia di ricette diverse. Potrai scegliere l’intensità da un valore pari a 1 fino a 5 del fruttato, dell’amaro e del piccante per poi finire con i sentori di erba tagliata, mandorla, cicoria e pomodoro.

Sarà nostra cura definire la ricetta tra le 22.422 disponibili per regalati una emozione autentica e di qualità. Creare un olio su misura ha diversi vantaggi, uno dei più importanti è quello di poter ottenere un extravergine di alta qualità dedicato ad esaltare i sapori dei piatti secondo i propri gusti, senza doversi “accontentare” del solito olio da scaffale.  L’affiancamento di una figura altamente preparata, quella del Sarto Oleario, è pronta ad ascoltare le necessità ed a proporre la soluzione migliore per le tue esigenze. Tutti i tuoi desideri gustativi e sensoriali saranno creati per te attraverso un sistema di blending. La creazione di un olio su misura è inoltre la risposta ad una esigenza, quella del cliente che ha necessità precise e non si accontenta di esperienze qualsiasi. 

L’olio su misura di Sartoria Agricola è un sistema dedicato alla ristorazione che permette di realizzare un olio extravergine di oliva pugliese in base alle proprie esigenze. Come un vero e proprio abito sartoriale, con Sartoria Agricola è possibile realizzare un prodotto irripetibile creato sul gusto e l’aromaticità che più si adatta alle esigenze del palato. L’olio, realizzato sulla base delle richieste dello chef, diventa una materia prima pregiata, un ingrediente che contribuisce ad esaltare il piatto, a raccontare il suo valore, a farlo diventare unico.

Categorie
Magazine

Olio su misura: alla scoperta della nuova frontiera dell’extravergine

Olio su misura: alla scoperta della nuova frontiera dell’extravergine

L’olio extravergine è un toccasana per la salute, cardine della dieta mediterranea, indispensabile per insaporire le pietanze e per esaltarne il gusto. La domanda è sempre la stessa: Quale olio extravergine comprare?  Da sempre le nostre scelte ricadono su fattori che influenzano l’acquisto sulla base della conoscenza che abbiamo di questo importante alimento.

Il gusto

Ogni olio extravergine ha le sue caratteristiche organolettiche. L’intensità dell’amaro, del piccante e dei profumi sono elementi variabili del prodotto. I sapori ed i profumi, che le olive donano all’olio extravergine, sono dettati:

Da caratteristiche naturali:

  • Dalla varietà (cultivar), dalle zone in cui sono coltivate, dal livello di maturazione.

Dalla lavorazione:

  • Tempo che intercorre dalla raccolta alla molitura, tecnologia di estrazione (esclusivamente di tipo meccanico a freddo), igiene durante il processo, tempi, velocità, temperature di stoccaggio, assenza di elementi che aumentano l’ossidazione ed il deterioramento.

La provenienza geografica

L’Italia è il Paese degli uliveti e delle olive. Da nord a sud, dalle Alpi agli Appennini, luogo che vai, oliva che trovi.  La Puglia con i suoi 430 km si spinge dall’entroterra, ricco di altopiani, fino al mare, offrendo le più ampie condizioni pedoclimatiche che la rendono la regione più importante nella produzione di olio extravergine di oliva. L’olio pugliese è una garanzia di diversificazione sensoriale.

Il prezzo

Gli scaffali sono pieni di Oli extravergini di oliva i cui prezzi variano sulla base delle annate (più o meno produttive), dei sistemi di raccolta delle olive, delle tecniche di molitura e sulla percentuale di resa (rapporto olio extravergine prodotto su quintale di olive).

VESTIRSI PARTENDO DAL CAPPELLO?

Nessuno di noi sceglierebbe come vestirsi partendo dalla scelta del cappello! Vi sembrerà strano, ma è quello che invece succede in cucina. Scegliete l’olio extravergine sulla base delle vostre preferenze e volete che “conviva amorevolmente” con quello che avete in mente di cucinare. 

Alt! Fermi tutti!

Fino ad oggi l’aiuto è arrivato dalle proposte che i frantoi hanno ideato per voi:

Oli extravergini monocultivar (monovarietali);

Oli extravergini multivarietali (blend);

Siamo sicuri che sia sufficiente? La nostra risposta è no!

MONOCULTIVAR O MULTICULTIVAR, QUESTO “ERA” IL DILEMMA

Olio extravergine di coratina, ogliarola, peranzana, cima di melfi, leccino, picholine. L’Italia è il paese al mondo che vanta il maggior numero di cultivar di olive (n.538 cultivar – pubblicazione FAO del 1998). La comunità degli esperti di olio extravergine e dei gourmand si è da sempre confrontata su queste due “scuole” di pensiero:

Olio extravergine monocultivar: Olio extravergine ottenuto dalla molitura di una singola varietà di olive. Rappresenta le peculiarità della cultivar usata, legata alle caratteristiche del territorio ed alla sua lavorazione.

Olio extravergine multicultivar (blend): Olio extravergine ottenuto dal blend di oli extravergini di due o più varietà di olive. 

Se fatto bene, permette di ottenere risultati non raggiungibili negli oli monovarietali, come variegatura ed ampiezza di profumi e sapori.

Partendo da questi capisaldi della filosofia oleica, ci siamo interrogati sul seguente argomento:

posso avere un olio su misura, che abbia le caratteristiche che reputo adatte alle mie pietanze? Posso averne più di uno?

La risposta è si.

OLIO SU MISURA. NUOVA FRONTIERA DELLA CUCINA

La Sartoria Agricola, è il progetto ideato da DONNA FRANCESCA  per offrire una soluzione tailor made alle vostre esigenze. Come in una vera sartoria, una volta prese “le misure”, grazie all’abilità del mastro oleario diventato “sarto oleario”, si producono blend su misura per ogni cliente.

Avere il proprio olio su misura è la vera rivoluzione in cucina.

Vista la complessità organizzativa che richiede la Sartoria Agricola, il progetto è stato “collaudato” su una nicchia di importanti chef francesi per 6 mesi. Il risultato è stato al di sopra delle aspettative. Ora il progetto è a disposizione di tutti i clienti, per offrire la soluzione ad un bisogno che non era mai stato soddisfatto.

SARTORIA AGRICOLA. IL PERCHÉ

Il perché di questo progetto è palesato nella missione aziendale di Piero e Francesca.  In un mercato che ostenta originalità ed esclusività dei prodotti, l’azienda è stata sempre fermamente convinta che il criterio di unicità appartenga alle persone. Tutti noi siamo speciali ed unici, a distinguerci ci sono nomi, valori, passioni, culture, religioni, esperienze e visioni. Spesso ce lo dimentichiamo.  Il prodotto non sarà mai “esclusivo” e “speciale” se lo stesso non “vestirà” su misura le aspettative del cliente.

“Sartoria Agricola nasce per unire la nostra idea
del “fatto a mano” alla prospettiva di “fatto solo per te”.

Piero Palmieri

OLIO SU MISURA. IL COME

Solo una produzione in filiera cortissima, permette di monitorare tutti i processi produttivi di un olio extravergine su misura. 100 ettari di uliveti pugliesi sono coltivati da 5 generazioni con cura ed attenzione. Grazie all’innovazione delle tecniche colturali, i processi di coltivazione e raccolta sono monitorati costantemente per avere olive di altissima qualità. La molitura nel frantoio di famiglia, permette la trasformazione delle olive in olio extravergine pugliese a poche ore dalla raccolta. La tecnologia è un elemento fondamentale messo a disposizione del personale qualificato, per ottenere olio extravergine di oliva di qualità superiore mediante l’estrazione con soli procedimenti meccanici.

Tutti gli oli extravergini, prodotti giornalmente, vengono assaggiati e destinati in silos di acciaio, avendo cura di organizzare lo stoccaggio sulla base delle caratteristiche sensoriali prevalenti di ciascuno di essi. Si avranno quindi silos con oli “amari”, silos con oli “piccanti”, silos con oli dai sentori erbacei pronunciati… e così via.

Quando il cliente, mediante la compilazione di una semplicissima check-list elettronica, delinea i sapori e sentori ricercati, entra in gioco il Sarto Oleario. Attraverso il sistema “Sartoria Agricola” si procede con il blending degli oli necessari per ottenere l’olio su misura. Un codice ricetta permetterà di ripetere la ricetta in maniera esclusiva per il cliente tutte le volte che esso vorrà. 

A completare la personalizzazione, ci sono le Collections.  Il design inconsueto e le decorazioni originalissime rendono il prodotto apprezzabile anche nella forma. Le collezioni si ispirano alle stagioni come la “Spring Collection” con le sue decorazioni floreali primaverili, oppure alle emozioni come la “Sensation Collection”, trovano spazio anche collezioni limitate come la “Christmas Collection” per adornare le tavole nei giorni di festa. A completare il tutto c’è l’etichetta personalizzata riportante il nome del cliente ed il numero di ricetta.

SARTORIA AGRICOLA. QUANDO

Extravergine su misura tutto l’anno!  Non esistono stagioni per avere il proprio olio extravergine su misura. Le insalate primaverili, le grigliate estive, le zuppe autunnali e le minestre invernali avranno un olio extravergine italiano su misura sempre a disposizione.

ADATTARE LA CUCINA AI CONDIMENTI? PREISTORIA CULINARIA

La cura e la ricerca nella cucina contemporanea, non può non tenere conto del vantaggio che un olio extravergine su misura può offrire. Il dibattito tra monocultivar e blend è ormai desueto.

“Sguardo al futuro con piedi saldi nel passato”

Categorie
Magazine

Olio extravergine di oliva o olio di semi?

Olio extravergine di oliva o olio di semi? Questa domanda è al centro dei dubbi di casalinghe e aspiranti chef da generazioni. Camminando con il carrello fra i corridoi del supermercato è facile accorgersi della grande varietà di oli esistenti. Fra olio di semi di girasole, olio di semi di lino, olio di semi di mais e blend vari è molto facile battere in cassa il primo che capita sottomano.

Tuttavia c’è da fare una riflessione più profonda. Perché acquistare olio di semi?

E’ ormai noto che l’olio extravergine di oliva e l’olio di semi si differenziano molto tra loro, in primis per le loro proprietà nutrizionali, ed in secondo luogo, ma non meno importante, per il sapore.

L’olio extravergine di oliva può essere usato in cucina sia per cucinare che a crudo, come condimento o meglio come ingrediente. Tutti i palati possono essere accontentati. L’olio extravergine di oliva presenta infatti una gamma di sapori diversi. Questa ricchezza di gusto è dovuta ad una serie di fattori come la cultivar e le caratteristiche stesse dell’oliva. A tal proposito il progetto Sartoria Agricola di Donna Francesca, grazie ad un servizio unico, offre diversi tipi di fruttato creato sui sentori desiderati.

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA E SALUTE

L’olio extravergine di oliva è un vero toccasana per la salute. Recentemente la “Food and Drug Administration” lo ha considerato alla stregua di un farmaco grazie al suo ruolo nella prevenzione e nel contrasto di una serie di malattie. Sono la ricca presenza dei polifenoli, preziosi antiossidanti che contribuiscono alla protezione dei lipidi ematici dallo stress ossidativo, e della vitamina E, che protegge le cellule del corpo dal danno ossidativo, a prevenire i radicali liberi. A questi si aggiunge l’acido oleico che ha la proprietà di ridurre il livello del colesterolo cattivo e di alzare il livello del colesterolo buono. A completare il quadro ci sono le proprietà anti infiammatorie degli acidi grassi Omega 3 e l’oleocantale. Sono proprio loro a ridurre i sintomi delle malattie che colpiscono i muscoli e le articolazioni.

E LE CALORIE?

Si può ormai smentire il falso mito dell’olio di semi come “olio leggero”. O meglio, è stato dimostrato che l’olio extravergine di oliva e un qualsiasi olio di semi contengono per 100 ml più o meno le stesse calorie. Tuttavia il sapore intenso e gradevole dell’extravergine permette di condire anche con poche gocce, a differenza dell’olio di semi, il cui sapore non è così incisivo. Questo permetterà non solo di insaporire il vostro piatto con meno condimento, e quindi assumere meno calorie, ma anche di usare meno prodotto generando un risparmio per le vostre tasche.

IL DILEMMA DELLA FRITTURA

A crudo l’extravergine non ha rivali. Ma per la frittura? Qual’è quello che assicura il risultato migliore?

Nella nostra cucina, la frittura è uno dei piatti a cui non è facile rinunciare. Pensate ad una parmigiana con le melanzane non fritte! Perderebbe tutta la sua poesia! Nel contesto attuale, fatto di ricette secolari e di inseguimento del benessere fisico, da qualche decennio si pensa che l’olio di semi sia migliore per friggere rispetto all’olio extravergine di oliva.

Non è così! Il miglior olio per friggere o cucinare è proprio l’olio extravergine di oliva e vi spieghiamo il perché!

La frittura mette a dura prova la stabilità dell’olio. Se riscaldato ad alte temperature, può andare incontro a una ossidazione da cui si formano alcune sostanze nocive. E’ stato dimostrato che l’extravergine di oliva resiste alle alte temperature e non si deteriora durante la cottura perché contiene una quota maggiore di acidi grassi monoinsaturi. Questi grassi “buoni” hanno un alta sopportazione al calore e all’ossidazione. L’olio extravergine di oliva è quindi ideale per la riuscita di una buona frittura e dona un sapore unico!

E l’olio di semi allora?

Gli oli di semi sono ricchi di grassi polinsaturi. Anche questi sono “grassi buoni” ma che a contatto con le alte temperature rilasciano una serie di sostanze nocive per la salute come i perossidi.

COME NASCE L’EXTRAVERGINE E COME NASCE L’OLIO DI SEMI

In questa panoramica c’è da ricordare che l’olio extravergine di oliva nasce da un frutto mentre l’olio di semi…dai semi! E con processi molto differenti tra di loro. L’olio extravergine di oliva infatti nasce dalla molitura di olive selezionate con estrazione meccanica a freddo. Al contrario l’olio di semi viene ricavato con l’utilizzo di solventi chimici ad alte temperature a cui seguono diverse fasi di raffinazione che servono a rendere gli oli vegetali più stabili e ad allungarne la conservazione.

STILE DI VITA

La tendenza ad usare olio extravergine di oliva in cucina è alla base della dieta mediterranea. Questo stile di vita, diventata anche patrimonio dell’UNESCO, è adottato anche all’estero come confermano i dati di esportazione di olio extravergine di oliva italiano nel mondo. Stati Uniti, Germania, Francia, Canada e addirittura Cina, sono pazzi per questo prodotto tutto italiano.

E tu, hai ancora dubbi su che olio usare? Scarica la nostra guida e scopri le differenze!

Categorie
Magazine

Regali di Natale. Le idee per lui e per lei

Regali di Natale. Come scegliere doni interessanti ed utili per le vostre amiche o per i vostri parenti?

L’arrivo delle feste è il momento in cui si condivide la gioia dello stare insieme, seduti intorno ad una tavola a chiacchierare o scambiandosi regali pensati unicamente per quella persona in particolare. Eppure, a volte, nonostante l’atmosfera briosa che si respira per strada, capita di essere colti dalla frenesia per l’acquisto dei regali.

La mancanza di tempo o di idee può portare ad acquisti avventati. Si corre così il pericolo di andare in contro alla delusione e alla famosa catena di riciclo del dono indesiderato. Come è possibile azzeccare il regalo perfetto nonostante il tram tram della vita quotidiana? Qui interveniamo noi di Donna Francesca con i nostri consigli.

Innanzitutto, per scegliere il regalo perfetto dedicate cinque minuti del vostro tempo ad approfondire la conoscenza della persona a cui è destinato il vostro “pensiero”. Niente di complicato, semplicemente pensate ad alcuni dettagli. Ad esempio, se il vostro più caro amico ha il piacere di invitarvi a cena perché adora cucinare, perché non regalare un accessorio per la cucina? Un tagliere in legno con coltelli per formaggio potrebbe essere un’idea carina. In alternativa dei calici per la degustazione del vino andranno benissimo.

Tuttavia, per gli amici più stretti si gioca su un terreno facile, ma quando il regalo diventa “professionale” ci si può imbattere in dubbi complicati. Per quei colleghi di lavoro che non conosciamo benissimo, sarebbe meglio non andare sul personale. Sicuramente offrire un omaggio utile, come una bottiglia di olio extra vergine di oliva, sarà ben accettato. L’extra vergine di oliva è un ingrediente che non manca mai in nessuna cucina. Avete mai visto la nostra Sartoria Agricola? Scegli il design e l’intensità del sapore ed il gioco è fatto!

Fin qui tutto bene. Ma quando bisogna affrontare il regalo per “lei” c’è da soffermarsi. Se la vostra migliore amica o vostra sorella è molto stressata per la faticosa vita da “donna in carriera”, il miglior regalo potrebbe essere una giornata da trascorre insieme in una spa. Sarà l’occasione per stare insieme e allo stesso tempo godere di un momento di relax. In alternativa regalatele un buono per l’acquisto di cosmetici, di quelli non c’è n’è mai abbastanza!

Ed ora arriviamo al tasto dolente…nonne, zie e suocere! Sono in genere le persone più difficili a cui dedicare un presente. Comprare un maglione implica ore di scelta, il colore dei guanti o del cappello non è quello giusto, il bagnoschiuma all’aloe vera pizzica… e potremmo continuare così all’infinito. Un modo c’è per uscire da questo circolo vizioso. Regalare del cibo.

Il cibo ha un valore imparagonabile. E’ in grado di richiamare alla mente ricordi assopiti. Un sapore particolare o qualcosa che non si mangiava da tempo diventa subito un faro di affetto. E così, della semplice passata di pomodoro potrebbe diventare l’argomento della serata. Chi non ricorda quando i pomodori venivano portati in casa e preparati per essere imbottigliati?Tradizioni antiche perse nel tempo che noi di Donna Francesca ci teniamo a mantenere, La nostra linea di pomodori infatti mantiene intatto il gusto di una volta, grazie alla lavorazione di stampo artigianale. Non vi basta? E allora puntiamo al dolce. Un panettone condito con un ingrediente particolare, come il cotto di ciliegie, potrebbe essere la combinazione giusta per sciogliere la rigidezza di vostra suocera!

Qualunque cosa deciderete di regalare, ricordatevi sempre che il dono più bello è l’affetto, il tempo dedicato a qualcun altro. Quindi mettetevi all’opera e cominciate a scegliere i regali per le persone che amate.

Quelli che vi abbiamo segnalato qui sono solo alcuni suggerimenti. Per altre idee potete iscrivervi qui e scaricare il pdf con la nostra guida ai regali di Natale.